I 12 libri “bresciani” del 2019 da non perdere

Il 2019 è stato per la nostra provincia, almeno da un punto di vista dei romanzi e dei saggi che sono stati pubblicati, ricco e stimolante. Tra esordi dirompenti, conferme e piccoli e grandi “chicche”, ecco a voi una selezione di dodici libri notevoli (in rigoroso ordine alfabetico per autore) che ci possono aiutare a conoscere meglio il presente ed passato di Brescia e della sua provincia. Non lasciateveli sfuggire!

Lista a cura di www.bresciasilegge.it


PAOLA BARATTO. “LASCIO CHE L’OMBRA” (MANNI EDITORI).

Un noir, ma anche una riflessione sulla progressiva scomparsa dell’intellettuale. L’ultimo romanzo della scrittrice e giornalista Paola Baratto, pubblicato anche in questo caso da Manni, ruota attorno all’indagine svolta dalla protagonista nel borgo di campagna in cui sia lei che lo scomparso sono cresciuti.

Qui un’intervista all’autrice.


PAOLO BARBIERI. “LA MORTE A BRESCIA. 28 MAGGIO 1974”: STORIA DI UNA STRAGE FASCISTA (RED STAR PRESS – HELLNATION LIBRI).

Paolo Barbieri, giornalista bresciano (già Ansa) e filosofo, il 28 maggio 1974 era in piazza della Loggia. Proprio a partire dai concitati momenti di lutto, nel suo ultimo libro pubblicato da Red Star Press Barbieri racconta la storia della strage che insanguinò la nostra città.


SIMONA CREMONINI. “GARDESANIANA. L’ANTOLOGIA FANTASTICA DEL GARDA” (PRESENTARTSI).

Simona Cremonini torna in libreria con un nuovo volume di narrativa con cui traccia il bilancio delle sue storie di genere fantastico ambientate attorno al lago di Garda e di una ricerca sulle leggende popolari che dura da oltre 20 anni. 


FEDERICO GERVASONI IL CUORE NERO DELLA CITTÀ. VIAGGIO NEL NEOFASCISMO BRESCIANO” (LIBEREDIZIONI)

Giovane giornalista freelance, collaboratore tra gli altri de La Stampa, Gervasoni si è fatto conoscere grazie ad alcune inchieste che hanno dimostrato il risorgere di gruppi neofascisti nella nostra provincia. Per queste ricerche scomode, Gervasoni sta ricevendo minacce tali da richiedere la presenza della polizia alle presentazioni ma sta riscuotendo anche un enorme interesse non solo in provincia, ma sull’intero territorio nazionale. Il libro, che fa il punto delle sue ricerche, è stato pubblicato da Liberedizioni ed è al centro di un intenso tour di presentazioni.

Qui la recensione di BresciaSiLegge.it


ENRICO GIUSTACCHINI. “IL GIUDICE ALBERTANO E IL CASO DEL NUMERO PERFETTO” (LIBEREDIZIONI)

Accurata ricostruzione della Brescia del 1200, enigmi e atmosfere medievali, sono gli ingredienti dell’ultimo giallo di Enrico Giustacchini. Ambientato nel monastero di Leno, il libro prosegue la longeva saga che ha per protagonista il giudice Albertano, “detective” ispirato alla figura del magistrato, diplomatico e letterato medievale bresciano.


CECILIA GHIDOTTI. “IL PIENO DI FELICITÀ” (MINIMUM FAX)

Cosa accade quando, a trent’anni circa, non si riesce a trasformare – per responsabilità personali e destini generali – l’educazione, l’affetto e il supporto ricevuti in un lavoro stabile, in un’identità compiuta? Cecilia Ghidotti, ex “arnaldina” poi cittadina del mondo, esordisce nel migliore dei modi con un romanzo dal sapore generazionale pubblicato dal prestigioso editore minimum fax.


PAOLO PAGANI. “CENT’ANNI DI SOLIDARIETÀ. COOPERAZIONE E RESISTENZA A BRESCIA NEL NOVECENTO” (LIBEREDIZIONI)

Attiva in molteplici campi, centro di relazioni sociali e politiche, la cooperazione laica e socialista bresciana trova in questo ricco volume una completa ricostruzione storica che parte a ridosso del 1900 e giunge sino alla contemporaneità.

Questo libro rientra fa parte della nostra bibliografia ragionata dei libri che parlano della storia dei movimenti dei lavoratori a Brescia.


ESPERANCE HAKUZWIMANA RIPANTI. “E POI BASTA. MANIFESTO DI UNA DONNA NERA ITALIANA” (PEOPLE)

Espérance è nata in Ruanda nel 1991, durante gli anni del genocidio. Fino a tre anni è rimasta in un orfanotrofio gestito da un’associazione italiana, e dopo l’adozione è cresciuta in provincia di Brescia. Nel 2015 si è trasferita a Torino, dove ha frequentato la Scuola Holden e dove attualmente vive. Si definisce “un’attivista culturale”, dice che la sua lotta principale è «quella alla narrazione» e fa parte di Razzismo Brutta Storia. Il suo manifesto, pubblicato dalla casa editrice fondata da Giuseppe Civati, è stato uno dei casi letterari del 2019: Esperance ha attirato l’attenzione – tra le altre – di Daria Bignardi, che l’ha voluta come ospite della sua trasmissione.

Qui la recensione di www.bresciasilegge.it


MASSIMO TEDESCHI. “LA MALEDIZIONE DEL NUMERO 55” (LA NAVE DI TESEO)

Con questo giallo ambientato al tempo della Repubblica di Salò, terzo della saga del commissario Sartori, il giornalista Massimo Tedeschi (già fondatore della versione bresciana del Corriere della Sera) entra a far parte della scuderia del prestigioso editore milanese fondato da Elisabetta Sgarbi.


CRISTIANO TOGNOLI. “IO, TULLIO E MIKE: UN ADOLESCENTE PROBLEMATICO NEGLI ANNI ’80 SALVATO DALLE SUE PASSIONI” (EDIZIONI VIRGILIO)

Volto noto del giornalismo sportivo bresciano, Cristiano Tognoli pubblica un romanzo di formazione dai tratti autobiografici che porta il lettore nella Brescia degli anni 80 raccontando il “dietro le quinte” di uno dei personaggi più nazionalpopolari della nostra provincia.


SONIA TROVATO. “COME PINOCCHIO NELLA BALENA. SCUOLA E LETTERATURA IN CARCERE” (PROSPERO EDITORE)

Un anno di insegnamento di letteratura all’interno del carcere di Verziano è al centro del libro di Sonia Trovato, giovane docente bresciana. Un’esperienza intensa e rivelatrice, tanto per la docente quanto per chi ha avuto la sfortuna di ritrovarsi dalla parte sbagliata delle sbarre.


MARCELLO ZANE. “BRESCIA E LE DONNE. PROTAGONISMO FEMMINILE NEL NOVECENTO BRESCIANO” (LIBEREDIZIONI SCRL)

Marcello Zane, uno dei più prolifici e apprezzati storici del novecento bresciano, torna in libreria con un testo che riporta alla luce – anche grazie a ricerche d’archivio e alla consultazione di lettere e diari – il contributo, raramente menzionato dalla cronaca del tempo e dalla storiografia ufficiale, delle donne in quanto protagoniste e motore della storia.


La nostra lista di romanzi e di saggi che parlano di Brescia, pubblicati nel 2019 e scritti da scrittrici e scrittori bresciani, ti è piaciuta? Vuoi fare una segnalazione o partecipare al progetto? Contattaci!

Potrebbero interessarti anche...