Dieci splendidi libri bresciani per l’estate 2020

A cura della redazione di Brescia si legge

Per qualcuno l’estate è un momento di riposo, per altri di riflessione, per altri di progetti, per altri ancora di evasione e ricerca dell’avventura.

Qualunque sia la vostra estate, noi di Brescia si legge crediamo che i libri e le storie che raccontano possano contribuire ad arricchirla ulteriormente.

Per questo motivo, abbiamo preparato una piccola lista di suggerimenti: un elenco di dieci libri “bresciani” (in fondo siamo Brescia si Legge!) recenti che ci hanno colpito, e che speriamo possano dare ulteriore sapore alla vostra estate 2020.

Ecco quindi a voi, in rigoroso ordine alfabetico, dieci libri selezionati per voi tra i tanti di cui vi abbiamo parlato in questi mesi, o di cui vi parleremo a breve. Una carrellata eterogenea che va dal giallo al romanzo industriale, dalla saggistica alla scrittura comica, dal romanzo alla graphic novel.


Alberto ALBERTINI – “La classe avversa” (Hacca, 2020)

Segnalato dal Comitato di lettura del Premio Calvino e presentato a Fahrenheit (Radio 3), il romanzo d’esordio di Alberto Albertini racconta il mondo industriale bresciano (che Albertini conosce molto bene) dall’interno e dal punto di vista del “padrone” mettendone in luce difficoltà e debolezze. Protagonista del romanzo un uomo di lettere alle prese con le frustrazioni e con le crisi esistenziali che la vita nell’azienda di proprietà della sua famiglia, azienda alle prese con un traumatico passaggio generazionale e culturale, gli provocano. Un racconto consapevole e spietato della solitudine dell’uomo di lettere nel sistema produttivo bresciano.

>>>Leggi qui la nostra intervista ad Alberto Albertini!


Benedetta TOBAGI – “Una stella incoronata nel buio” (Einaudi, 2019)

La strage di Piazza Loggia è un evento la cui portata va ben al di là delle commemorazioni del 24 Maggio. In questo libro emozionante, pubblicato una prima volta nel 2013 e poi aggiornato nel 2019 a seguito della storica sentenza che ha condannato gli esecutori della strage, Benedetta Tobagi (giornalista milanese figlia di Walter) riporta al centro dell’attenzione i volti delle vittime innocenti della strage e le successive vicende processuali vissute al fianco di Manlio Milani. Uno dei più potenti tra i tanti libri che hanno raccontato la strage che ha macchiato la storia della nostra città.

>>>La nostra selezione di 12 libri per ricordare la strage di piazza della Loggia

(E sempre in tema di antifascismo, non possiamo non citare “Il cuore nero della città. Viaggio nel neofascismo bresciano”: il libro di Federico Gervasoni”, di cui ci siamo occupati con una recensione)


Chiara ABASTANOTTI e Luigi FILIPPELLI – “Stereolite” (MalEdizioni, 2019)

Un monolite preistorico che sparisce da un giorno all’altro, un passato fatto di streghe e riti pagani, la scoperta di un territorio marginale da parte di due fumettisti, la voglia di emigrare. Frutto di una residenza artistica svolta nell’agosto del 2018 Stereolite (edito dalla bresciana MalEdizioni) è una graphic novel che racconta il paese di Malonno in Val Camonica attraverso l’esplorazione delle persone che lo vivono. Una serie di interviste messe in relazione fra loro in modo libero, come in un collage, che danno vita a un dialogo stereofonico capace di raccontare il paese da una prospettiva inusuale. Una vista d’insieme che attraverso i particolari restituisce una narrazione più ampia, vivida ed emotiva, una mappa ideale in cui poter ritrovare lo spirito della provincia e di chi lo abita.

>>>Prossimamente su Brescia si legge: iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato!


Davide PRIORE – “Tinderlist” (EdiKit, 2020)

Sotto la crosta perbenista e sonnacchiosa che avvolge la nostra provincia esistono mondi rimossi, come quello dei club privé e delle app di incontri, senza dubbio rappresentativi tanto quanto quelli esibiti in copertina. Il pregio del libro di Davide Omino, comico e showman bresciano noto in città e non solo, è quello di raccontare questi mondi dall’interno nella maniera migliore possibile: sospendendo il giudizio, mantenendo saldo il registro ironico e – soprattutto – non perdendo mai la capacità di provare empatia.

>>>Leggi qui la recensione di Brescia si legge!


Enrico GIUSTACCHINI – “Il giudice Albertano e il caso del suonatore nella notte” (Liberedizioni, 2020)

Il settimo giallo storico di Enrico Giustacchini, con protagonista il giudice (nonché filosofo e letterato) Albertano da Brescia, è come sempre ambientato nel medioevo e più precisamente nei dintorni dell’abbazia di Rodengo Saiano. Un giallo logico-deduttivo che catapulta il lettore in un medioevo bresciano accuratamente ricostruito tra scandali di simonia, emergente spirito francescano e trattati scritti ad Oriente grazie ai quali è possibile costruire straordinari “automi” dalle partenze umane.

>>>Per saperne di più leggi la nostra intervista esclusiva a Enrico Giustacchini!


Esperance Hakuzwimana RIPANTI. “E poi basta. Manifesto di una donna nera italiana” (People, 2019)

Espérance Hakuzwimana Ripanti è una scrittrice, una giovane donna, una persona consapevole, una afrodiscendente. E’ cresciuta a Brescia prima di cercare fortuna altrove, a Torino, dove ha frequentato la scuola Holden e dove si sta consacrando come attivista e scrittrice. Nel suo libro di esordio, pubblicato dall’editore People, Espérance scava nella sua storia ordinando i frammenti lungo un filo rosso che permette di affrontare alcuni dei temi più scottanti connessi alla condizione di afro-discendente. Per un’estate connessa con i grandi temi globali.

>>>La recensione di Brescia si Legge è disponibile qui


Giorgia BORAGINI – “Mai rovinare il pranzo di Ferragosto!” (Liberedizioni, 2019)

Quello scritto dalla bresciana d’adozione Giorgia Boragini è un giallo con ambientazione ferragostana, come tale perfetta per una lettura estiva. A Bassovrana, paesino sperduto nell’Appennino Tosco-Emiliano, è il 15 di agosto: come ogni anno, i Guidi e i loro amici si trovano nella dimora di famiglia per la tradizionale rimpatriata. Fra arrivi, partenze, contrattempi, battibecchi e dispetti, l’imprevisto è sempre in agguato. Però, questa volta, con un cadavere di mezzo, l’abilità della padrona di casa non basterà a salvare la situazione.

>>>Prossimamente su Brescia si legge: iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato!


Jennifer GUERRA – “Il corpo elettrico. Il desiderio nel femminismo che verrà” (Edizioni Tlon, 2020)

Il libro di Jennifer Guerra, autrice “millennial” classe ’95 nata a Villa Carcina (oggi residente a Milano), è un saggio proiettato sul presente e sul futuro del femminismo che sta facendo molto parlare. Pubblicato da Edizioni Tlon, uno dei progetti più brillanti nel campo della filosofia contemporanea, è un testo che si colloca nel solco della riflessione femminista contemporanea ed internazionale (la cosiddetta “quarta ondata”). Scritto guardando lontano dalla nostra città, da una concittadina che noi non vorremmo invece perdere d’occhio.

>>>Prossimamente su Brescia si legge: iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato!


Nadia BUSATO – “Padania Blues” (SEM, 2020)

Ci sono libri come “Padania Blues” (SEM), il nuovo romanzo della scrittrice bresciana Nadia Busato, che non hanno bisogno di tante parole per arrivare a destinazione. Libri che racchiudono fin dal titolo un mosaico di micro-storie verosimili, di personaggi che appaiono come delle sfaccettature di noi stessi, e che hanno come sfondo un concentrato dei piccoli centri abitati che costellano la Val Padana. Un romanzo comico e tragico allo stesso tempo, scorrevole e fluido, che colpisce per quanto riesce ad essere attuale ed allo stesso tempo brutale.

>>>Per cominciare a farti un’idea, leggi la nostra recensione dell’ultimo romanzo di Nadia


Tita PRESTINI – “La doppia morte della compagna Sangalli” (Barta, 2020)

Ambientato sulle sponde del lago di Iseo nel 25 aprile del 1945, il primo romanzo giallo della saga del Commissario Settembrini conduce con maestria il lettore nella concitazione e nell’ambiguità di un’epoca di frontiera quale quella di passaggio tra la guerra e il dopoguerra e tra il fascismo e la repubblica. Un romanzo, quello scritto dall’ex giornalista bresciano Tita Prestini, che trascina il lettore in un periodo magmatico in cui nulla può essere dato per scontato.

>>>Abbiamo intervistato Tita Prestini, scoprendo che ne sarà del Commissario Settembrini


HEY! Ricordati di iscriverti alla newsletter di Brescia Si Legge per rimanere aggiornato!

Potrebbero interessarti anche...