“I sogni hanno le ruote”: l’influencer camuno della positività Simone Pedersoli

Recensione di Katiu Rigogliosi per Brescia si legge

Io con la Sma ho un bellissimo rapporto: ho imparato ad accettarla e a vederla non come una debolezza, ma come un punto di forza.

Simone Pedersoli, “I sogni hanno le ruote”

La Sacca, frazione di Esine a pochi passi da Darfo, è una di quelle tipiche località di montagna attorniate da grandi boschi che la riparano dal sole, con case simili a chalet e molti turisti ad animarla soprattutto nel periodo invernale.

Gli abitanti della Sacca sono orgogliosi di essere nati lì, in un piccolo borgo dal cuore enorme. Fra loro c’è anche Simone Pedersoli, ventitreenne affetto da Sma molto seguito su Instagram e TikTok, dove vanta più di 50mila followers e dove si autodefinisce “influencer della positività”. Di recente, Pedersoli ha pubblicato il libro “I sogni hanno le ruote” (Piemme, 2021 – acquista qui): un libro, con prefazione scritta dell’amico Fedez, in cui Simone racconta parte della sua giovane vita, comune ed allo stesso tempo speciale, vissuta nell’amata Val Camonica. 

La felicità torna sempre se sorridi

Io vivo a Sacca di Esine – La Sacca, come la chiamiamo noi della zona -, un bellissimo paesino della Val Camonica, una lingua di terra che sta nel mezzo delle Alpi, proprio sopra Brescia, in Lombardia. […] In tutta la Val Camonica la zona della Sacca è famosa proprio per il freddo, ogni volta ci prendono di mira e fanno battute sul nostro clima rigidissimo. Siamo speciali!

Simone Pedersoli, “I sogni hanno le ruote”

«La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo», diceva un giovane Jim Morrison negli anni clou della sua carriera. Simone Pedersoli ha deciso di concretizzare in pieno questo motto e di renderlo suo. Da qui, la scelta di utilizzarlo anche come sottotitolo del suo libro.

Affetto da atrofia muscolare spinale e quindi costretto sin da bambino a utilizzare una carrozzina per potersi muovere, Pedersoli non si è arreso e, al contrario, si è impegnato a fare del suo handicap una risorsa: ha reso le quattro ruote della carrozzina una parte di sé, consumandole come si fa con un paio di scarpe comode e personalizzandole come si fa con un’auto.

È proprio puntando su tale punto di forza che l’autore riesce a coinvolgere totalmente il lettore, condividendo le sue avventure, presentando i suoi amici e confessando piccoli segreti.

Buongiorno amici!

Nel libro vengono presentati i genitori, la sorella Sophie, i nonni e i colorati pappagallini di casa, protagonisti indiscussi delle stories su Instagram. Fanno la loro apparizione anche gli amici Michele, Jessica e Patrick, ragazzi conosciuti durante gli anni scolastici e che hanno deciso di portare avanti un’amicizia al di là dei compiti a casa e delle interrogazioni.

Tra le pagine del libro, il lettore si ritrova tuttavia, ancor più che circondato da persone, catapultato in mezzo alle infinite passioni dell’autore: le auto, quelle belle, veloci e lucide che ti obbligano a seguirle con lo sguardo quando ti superano in autostrada; le moto rombanti, con l’acciaio che riflette i raggi del sole della Sacca; e il cibo, perché una gita non può dirsi veramente bella senza una sosta in qualche trattoria per assaggiare del buon vino o della polenta saporita.

Non mancano poi gli aneddoti riguardo ai giorni di scuola, con gli scherzi insieme ai compagni e i compiti assegnati dai professori, i viaggi sul pulmino alla mattina (anche se Pedersoli avrebbe preferito rimanere a letto!) e le gite in qualche città nuova o al parco delle Cornelle di Bergamo.

Certe persone hanno ancora l’idea che essere disabile significhi essere obbligato a starsene chiusi in casa, e non avere niente da fare. Ma non è così!

Simone Pedersoli, “I sogni hanno le ruote”

Ecco cosa traspare dalle pagine di Pedersoli: non la malattia, le cure, le operazioni e i limiti, bensì le uscite, gli amici, i sentimenti, la gioia, le risate. La vita.

Nella prefazione al libro a opera d Fedez, si legge: «ci disegniamo il nostro sketch mentale, storto, incompleto, a volte del tutto sbagliato.

Invece, Pedersoli ha il sorriso catarifrangente, il collo pieno di tatuaggi e i baffetti da gentleman. Riesce a raccontare, leggero come una piuma, i momenti che gli hanno cambiato la vita nelle stesse pagine in cui spiega il suo epico giro su una Pagani.

Da vero influencer di Instagram, Pedersoli ha avuto modo di conoscere alcuni personaggi, e “colleghi”. Tra loro, Fedez e sua moglie Chiara Ferragni, con cui ha condiviso un pranzo all’Albereta di Erbusco e con i quali, da allora, intrattiene una tenera amicizia. È per questo che il carismatico rapper non ha avuto dubbi su cosa scrivere per introdurre il lettore al racconto della vita dell’autore camuno.


Titolo: I sogni hanno le ruote. La felicità torna sempre se sorridi
Autore: Simone Pedersoli
Editore: Piemme, 2021

Genere: Memoir
Pagine: 166
ISBN: 9788856681529

Se vuoi acquistare questo libro online, fallo attraverso questo link: sosterrai il progetto Brescia si legge.

Incontrarci non è stato facile, ora non perdiamoci di vista! Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato su ciò che accade sulla “scena letteraria bresciana”

Katiu Rigogliosi

Diplomata alla scuola d'Arte al corso di operatrice d'arredamento, nella vita si occupa di progettazione di interni, realizzando meravigliose SPA in giro per il mondo. Nata a Milano, cresciuta tra Piacenza e Bergamo, maturata sotto la mole di Torino, risiede oggi nella provincia al di là del fiume Oglio. Legge da quando ha memoria e non disdegna nessun genere, anche se le si illuminano gli occhi quando si tratta di sparatorie, uccisioni ed indagini. Gestisce un gruppo di Staffette Letterarie su Facebook, perché crede che la lettura condivisa in ogni parte d'Italia sia la cosa migliore che possa esistere.

Potrebbero interessarti anche...

Abilita notifiche    OK No grazie